Brodo

Nella cucina italiana il brodo è il risultato liquido e filtrato del lesso o del bollito,  ottenuti dalla cottura in acqua di carni, verdure, pesce, spezie o aromi. Il brodo può essere servito caldo oppure utilizzato come base per la preparazione di minestre, zuppe, salse oppure per insaporire risotti, tortellini, ravioli o arrosti. Il brodo, essendo un alimento molto nutriente, è consigliato caldo negli stati febbrili, diete leggere e inappetenza.

E’ di uso comune utilizzare il famoso “dado”, io sono contraria perché non è naturale né sano. Preferisco preparare un buon brodo che si potrebbe addirittura congelare in vaschette e utilizzarlo nelle pietanze che richiederebbero il dado. Con un litro di brodo se ne ottengono davvero parecchi di dadi! Per maggiori informazioni leggete qui!

Tipi di brodo

 Brodo vegetale: è quello più leggero. E’ preparato con : 1 lt di acqua, 1 carota, una costa di sedano, 1 patata sbucciata, mezza cipolla, un pomodoro, prezzemolo, sale qb, 1 cucchiaio di olio. Mettere tutti gli ingredienti in una pentola in acqua fredda. Chiudere con un coperchio. Quando bolle, far cuocere per circa 30 minuti o almeno fino a quando la carota o patata (che sono le verdure più dure) siano cotte.

 Brodo di carne: il brodo di carne è quello più nutriente. Si può preparare con diversi tagli di carne: carne di manzo, gallina, cappone, pollo, sempre in aggiunta alle verdure come carote, cipolle, sedano, pomodoro, prezzemolo, patate. In questo caso, non aggiungerei olio dato che le carni contengono grasso. Per la cottura, si fa come per il brodo vegetale ma lo si fa cuocere almeno per un’oretta abbondante in modo tale che il brodo si insaporisca bene.

 Brodo di pesce: questo tipo di brodo è la ricetta base per la preparazione di moltissime ricette in cui è necessario aggiungere il brodetto a base di pesce (minestre, zuppe..). Molto delicato e leggero, viene preparato con: scorfani, pagelli, saraghi e verdure come carote, patate, cipolle, sedano. Diverso è il fumetto di pesce, che è un brodo di pesce molto concentrato in cui si utilizzano teste, lische, code e polpa sempre assieme a verdure come carote, sedano, cipolle e altre in base ai gusti. Si lascia cucinare per un’oretta e al termine della cottura, prima di utilizzarlo, si filtra. Il fumetto si utilizza ad esempio per la preparazione di risotti o salse.

Suggerimenti: la “schiumatura” consiste nel togliere la parte grassa del brodo durante la cottura. Un altro sistema per ottenere un brodo leggero è quello di eliminare la parte più grassa mettendo il brodo (freddo!) nel frigorifero: il grasso si addenserà tutto sulla superficie e sarà facile da togliere!

Brodo di Giuggiole Il brodo di giuggiole è un liquore preparato a partire dalle giuggiole, il frutto del giuggiolo, tipico del Veneto. Essendo uno degli ultimi frutti a maturare veniva usato per fare il liquore omonimo, dalle giuggiole appassite. Ricco di vitamina C e zuccheri, risulta molto dolciastro. Nacque così la frase “sono in brodo di giuggiole” che indica essere felici!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...